Diritti ed Assemblee

AssNaz2013Ieri l’Assemblea Nazionale del Partito Democratico ha eletto – come previsto dai risultati delle Primarie – il nuovo segretario. Matteo Renzi.
Insieme alla sua elezione sono state anche rinnovate le composizioni di Direzione Nazionale e Commissione Garanzia, più un altro po di cariche qui e li.

Oltre queste nomine, nel discorso di insediamento Renzi ha definito anche alcuni degli obbiettivi su cui il partito deve focalizzarsi maggiormente e portare risultati in un tempo più che ragionevole, tra questi le – cosi dette – “unioni civili” o – alla Renzi – “Civil Partnership”.
Da sostenitore della prima ora di Civati, oltre che contributore dei contienuti della mozione per quello che riguarda i diritti, non posso che apprendere con piacere questa decisione di Renzi. Credo sinceramente che il nuovo segretario si impegnerà al massimo per mantenere le promesse, anche perché nelle sue fila ci sono persone come Cristiana Alicata che sull’argomento non cedono terreno. Non condivido – ovviamente – la scelta di puntare sulle Civil Partnership, un istituto oramai vecchio, superato anche li dove fu introdotto – in Inghilterra – dal matrimonio egualitario approvato, pensate un pò, da un governo labour, ovvero conservatore.
Al pari dell’Inghilterra, anche il governo di Hollande in Francia ha abbandonato i famosi PACS aprendo al matrimonio per tutti.
Resta solo la Germania tra i principali paesi europei ad avere uina legislazione ad hoc per le coppie di persone dello stesso sesso… Ma la Germania è in mano alla Sig.ra Merkel ed al suo partito tutto rigore e conservatorismo.

La mossa di Renzi è impotante perché mette in evidenza come la questione relativa ai diritti – e ai doveri – delle coppie di persone dello stesso sesso debba oggi essere centrale nell discussione politica di un Partito che si definisce moderno. Civati lo ha detto per primo, con parole chiare e facendo scelte radicali – nel senso di prive di compromessi al ribasso – e Renzi ha portato avanti la sua posizione inserendo in Direzione Nazionale personaggi riconoscibilissimi anche per il loro impegno su questi temi.
Personalemte credo che tali scelte vadano fatte a tutti i livelli, dai direttivi di circolo in su, e spero che anche il PD Roma, della cui assemblea faccio parte, voglia optare nella forma e nella misura che gli compete per un percorso simile.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...