CivatiPRIDE e la legge contro l’omotransfobia


CivatiPRIDE – alle cui spalle ci sono anche io – è per sua stessa definizione la comunità LGBT a sostegno della candidatura di Giuseppe Civati a Segretario del Partito Democratico.
Questa la posizione di CivatiPRIDE nei confronti della legge contro l’omotransfobia in discussione alla Camera.

APPELLO AL PD SULL’OMOTRANSFOBIA: CAMBIA LA LEGGE O RITIRA LA LEGGE.

Il Disegno di legge sull’omotransfobia approvato in commissione e approdato in Aula all’inizio di agosto non soddisfa nessuno. Non soddisfa, in particolare, né le associazioni LGBT italiane né la comunità intera.

I motivi sono ormai noti a tutti. Non sono definiti i contorni di intervento della legge, sono state eliminate le definizioni di “orientamento sessuale”, “identità di genere” e “ruolo di genere”, c’è una pressante richiesta per inserire una non ben identificata “clausola di salvaguardia” per la libertà d’espressione e soprattutto è sparita l’aggravante senza la quale le persone LGBT, a differenza delle altre minoranze tutelate dalla Legge, non avrebbero nessuna tutela vera.

Le elezioni dello scorso febbraio hanno restituito al Paese il Parlamento più giovane e laico della storia della Repubblica: se ne approfitti per trovare alla Camera e al Senato i numeri per tornare alla versione originaria della Legge depositata a marzo con le firme del PD, Scelta Civica, SEL e M5S. E anche se oggi ci troviamo al governo con la maggioranza che conosciamo l’omofobia e la transfobia non sono materie presenti nel programma della maggioranza e soprattutto del Governo. Ed infatti il Presidente del Consiglio Enrico Letta non ne ha mai fatto menzione nei suoi discorsi di insediamento al Parlamento.
Questa legge, così com’è non va. E non va neppure come la si vuole modificare. Cioè presentando un unico emendamento che inserisce oltre all’aggravante anche la “clausola di salvaguardia”.

Chiediamo che il Partito Democratico non accetti il ricatto delle frange più oltranziste inserendo una clausola che non ha nessun senso di esistere perché la libertà di espressione è già garantito dalla Costituzione Italiana.

Chiediamo al Partito Democratico di fare quello per cui è stato votato da migliaia di cittadini gay, lesbiche, bisessuali e transgender: approvare una legge che contrasti e prevenga veramente l’omofobia e la transfobia.

Chiediamo al Partito Democratico di fare una buona legge, non di fare una legge.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...