A chi credere?

A chi credere?
Compagni di scuola e professori scrivono lettere che però non firmano, il nonno rilascia interviste e le due cose fanno a cazzotti tra loro.

Io, per puro caso, ho degli amici il cui figlio va allo stesso liceo e che parlando con i genitori del fatto – anche su mia sollecitazione – dice che quanto scritto nelle lettere è verosimile, che a scuola hanno parlato di quanto accaduto e che lui ha visto i compagni affranti ed in lacrime (non che 4 lacrime poi giustifichino nulla).

Io non so più a chi credere e quindi la smetto di leggere in giro su questo argomento.
Penso però che sarebbe una gran bella cosa se la scuola si attivasse insieme a qualche associazione per organizzare ora seminari su bullismo ed omofobia. Suggerirò ai miei amici di parlare con chi preposto a ciò e suggerirò loro di interpellare il Circolo Mario Mieli.

Chi lo sa che da una disgrazia non possa venir fuori qualcosa di buono.

Annunci

2 thoughts on “A chi credere?

Add yours

  1. Caro Fabio,

    ti assicuro che in tante scuola questo già si fa, certo serve l’iniziativa di un docente o l’insistenza di un’associazione. ma tante buone pratiche già esistono: più passa il tempo, più penso che oltre e insieme agli studenti, bisognerebbe educare molti insegnanti

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: