PD: OdG per il Congresso della Federazione Romana

Consulta LGBTQI – PD Rainbow, per una società, inclusiva, aperta e laica.
Congresso della Federazione Romana del Partito Democratico

Preambolo

Noi Uomini e Donne del Partito Democratico, indipendentemente dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, crediamo in un Partito inclusivo atto ad emancipare ogni discriminazione civile e sociale, fondato sulle pari opportunità, sul pluralismo delle opzioni culturali, sulla pari dignità di tutte le condizioni personali (quali il genere, l’età, le convinzioni religiose, le disabilità, l’orientamento sessuale, l’origine etnica), impegnato nella lotta ad ogni discriminazione nel nome dell’uguaglianza sostanziale, nell’Universalità dei Diritti Umani.

Tali principi affermatori, sono anche alla base della Società che il Partito Democratico aspira a realizzare: una Società, libera ed aperta, solidale, equa, nella quale il vivere comune è elemento costitutivo nel pieno rispetto delle differenze individuali.

Le differenze e la loro valorizzazione permettono il reale progresso civile, sociale ed economico del Paese e permettono all’essere umano di realizzarsi nel pieno delle sue aspirazioni e facoltà.

Il riconoscimento e la tutela dei Diritti Civili sono i metodi per poter promuovere e sviluppare tali differenze, pertanto tali principi dovrebbero essere parte integrante del comune sentire degli iscritti al Partito Democratico, e dei cittadini in senso lato, poiché solo così una società è conscia di se stessa.

La dignità ed il pieno riconoscimento delle persone LGBTQI, lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e intersessuali, si realizza attraverso il diritto alla libera affermazione della identità personale e al libero sviluppo della personalità, alla tutela e alla difesa dalle discriminazioni sociali e lavorative per orientamento sessuale e identità di genere, al riconoscimento delle convivenze di coppie di persone dello stesso sesso, alla tutela dei minori all’interno di realtà omogenitoriali.

La dignità ed il pieno riconoscimento delle persone LGBTQI (Lesbiche – Gay – Bisessuali -Transgender – Queer – Intersessuali), si realizzano sia attraverso la presa di coscienza collettiva degli Iscritti e delle Iscritte al Partito Democratico, per renderle effettivamente inclusive, che attraverso una azione normativa.

Il compito che auspichiamo per il Partito Democratico, e per i Circoli che lo costituiscono, è quello di costruire una nuova idea di Società facendosi carico di un confronto ampio e sereno, privo di ogni qualsivoglia pregiudizio ideologico.

La fase congressuale é il momento di più ampio respiro e partecipazione alla vita politica del Partito Democratico, attraverso la quale gli iscritti, possono portare all’attenzione del Partito le istanze di una società in profondo mutamento sociale, al fine di produrre una linea politica ed un’azione programmatica organica e condivisa in linea con le reali esigenze di tutti gli individui.

Nella presentazione di questo Ordine del Giorno Congressuale, ci ispiriamo allo Statuto del Partito Democratico, al suo Codice Etico ed al Manifesto dei Valori, alla Costituzione della Repubblica Italiana, al Trattato di Lisbona, alle Direttive e Pronunciamenti della Commissione Europea e della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Noi uomini e donne del Partito democratico, crediamo nella necessità di un luogo interno al Partito, deliberato da questo Congresso, destinato al confronto approfondito e sincero sulle tematiche LGBTQI, atto ad essere un luogo consultivo e propositivo per il Partito stesso, gli Eletti, gli Iscritti ed i partecipanti alla vita dei Circoli tematici e Territoriali.

Ruolo e funzione della Consulta LGBTQI – PD Rainbow del Partito Democratico di Roma

Noi Iscritti ed iscritte del Partito Democratico, indipendentemente dal nostro orientamento sessuale e dalla nostra identità di genere, chiediamo l’istituzione della Consulta sulle tematiche LGBTQI, da chiamarsi PD Rainbow ed avente per simbolo quello del PD virato e variato coi colori della bandiera rainbow simbolo internazionale della comunità LGBTQI, che abbia la funzione di organo consultivo e propositivo, volto al rafforzamento del Partito Democratico nelle sue scelte politiche.

La Consulta vuole avere un carattere ampio ed inclusivo, ed essere aperta a tutti gli iscritti del PD romano che condividono la lotta contro le discriminazioni, l’affermazione dei Diritti Civili, ed i principi contenuti nel preambolo.

I principali scopi che la Consulta si propone sono quelli ispirati – con un metodo di confronto, laico aperto e plurale – alla conduzione di discussioni e riflessioni sulle tematiche riguardanti le persone LGBTQI, con il coinvolgimento degli iscritti, gli elettori e tutta la cittadinanza.

La Consulta come organo Consultivo e Propositivo del Partito Democratico Romano, e dei suoi Organi Istituzionali, dei Circoli Tematici e Territoriali, degli Eletti, si propone di produrre una linea politica ed un’azione programmatica organica e condivisa, atta al superamento delle discriminazioni basate sull’identità di genere e l’orientamento sessuale.

Il riconoscimento da parte del Congresso della Federazione Romana del Partito Democratico impegna la Consulta, in linea con lo Statuto del Partito Democratico, col Codice Etico e col Manifesto dei Valori a dotarsi di una struttura interna e di un Portavoce.

Gli aderenti alla Consulta si impegnano a dare spazio, supporto e pubblicità, alle iniziative della Consulta stessa, a contribuire al dibattito ed alla sintesi per la definizione di posizioni di riferimento sulle tematiche LGBTQI.

Iniziative e modalità di azione del Consulta LGBTQI – PD Rainbow del Partito Democratico Romano

La Consulta LGBTQI, PD Rainbow, vuole essere un luogo di confronto aperto al contributo di tutti gli iscritti, e vuole coadiuvare l’operato della Federazione Romana del Partito Democratico per l’approfondimento di temi ed argomenti e per l’elaborazione di iniziative e proposte legislative volte alla tutela delle differenze, allo sviluppo della dignità ed al pieno riconoscimento della libertà e dei diritti delle persone LGBTQI.

La Consulta si propone come promotore di momenti di sensibilizzazione e formazione in stretto raccordo con i Circoli Territoriali e Tematici e con i Giovani Democratici, contribuendo così al costante e quotidiano lavoro che gli stessi svolgono sul territorio.

La Consulta, in sintonia con la Federazione Romana del Partito Democratico ed il Gruppo Comunicazione, si propone il compito di organizzare campagne mediatiche (attraverso l’utilizzo di stampa, web, affissioni, radio, TV e supporti informativi vari), campagne di mobilitazione e coinvolgimento della cittadinanza, e di partecipare alle iniziative, agli incontri, ed alle manifestazioni promosse dai Circoli Territoriali e Tematici e dalla Federazione Romana.

Conclusioni

La deriva populista e demagogica in cui la nostra Società ed il nostro Paese sono finite, l’assenza di un vero confronto democratico, l’acuirsi di pregiudizi che soffocano la libera discussione, l’inibizione delle voci autonome, la spregiudicata caccia al nemico, che da più di sedici anni bloccano la vita Democratica di questo Paese, obbligano il Nostro Partito e la sua classe dirigente a verificare nuove metodologie di discussione che siano le più inclusive possibili.

La crisi del nostro Paese è, oggi, non solo economica, ma sociale e culturale. E’ una crisi che provoca uno stallo non solo finanziario, ma che annulla ogni apertura verso qualsiasi tipo di sviluppo e lascia ogni cittadino nell’insicurezza che provoca sfiducia, discriminazioni e abusi.

Se compito del Partito Democratico è fornire un modello alternativo a quello esistente di società e di democrazia in un’ottica Europea e globale, compito della Consulta LGBTQI, PD Rainbow, è farsi portavoce all’interno del Partito, delle istanze delle persone LGBTQI e della difesa e promozione dei Diritti Civili e Sociali.

La nascita ed il riconoscimento della Consulta LGBTQI – PD Rainbow vuole essere proprio questo: un luogo di elaborazione politico e di nuova visione della Società, atto a superare tutte le forme di discriminazione.

Un luogo di dibattito, confronto, condivisione e sintesi che contribuisca alla definizione del progetto di quell’Italia nuova di cui tutti noi sentiamo il bisogno. Quel progetto dovrà, con un grande sforzo, innovare e riformare tutti gli ambiti del nostro Paese in un’ottica di sviluppo generale in cui non ci siano priorità tematiche, ma un percorso organico e complessivo, di ogni singolo individuo e della comunità.

L’esigenza e la richiesta di una Consulta LGBTQI all’interno del Partito nascono dal sentimento diffuso che si è potuto riscontrare anche durante l’ultima “Festa dell’Unità – III Festa Democratica” della Federazione romana nella quale il coraggio dell’allora Coordinamento nel proporre momenti, iniziative ed eventi che portassero al centro dell’agenda il vissuto, le difficoltà, le richieste delle persone LGBTQI è stato premiato con la forte partecipazione di iscritti, elettori, simpatizzanti ed eletti del Partito Democratico.

Con l’occasione del Congresso della Federazione Romana del Partito Democratico, si auspica la condivisione di quel percorso attraverso l’appoggio e l’approvazione del presente Ordine del Giorno con l’impegno dell’istituzione della Consulta e la garanzia di funzione all’interno della Federazione Romana del Partito Democratico.

Sostenitori del PD Rainbow

Il presente Ordine del Giorno è stato approvato dall’Esecutivo, dalla Direzione e dall’Assemblea dei Circoli dei Giovani Democratici di Roma.
Andrea Alemanni – Vicepresidente Consiglio Municipio Roma III
Cristiana Alicata – Membro Assemblea Regionale PD Lazio
Giovanni Bachelet – Deputato PD
Simone Barbieri – Direttivo Circolo Montesacro
Valerio Barletta – Consigliere Municipio Roma XIX
Carla Boto – coord. Circolo Marconi
Riccardo Camilleri – Circolo Marconi
Micaela Campana – Esecutivo Coordinamento Romano
Giovanni Carapella – Direzione Regionale PD Lazio
Monica Cirinnà – Consigliere Comune Roma
Serena Colonna – Consigliere Municipio Roma XV
Riccardo Corbucci – Consigliere Municipio Roma IV
Edoardo Del Vecchio – Consigliere Provincia Roma
Carla Di Veroli – Assessore Politiche Culturali – Interculturali – Giovanili – Pari Opportunità Municipio XI
Enzo Foschi – Consigliere Regione Lazio
Gianluca Frizzo – Circolo Portuense
Valentina Grippo – Assessore scuola e cultura Municipio Roma III
Fabio Iovine – Circolo Portuense
Gianluca Lanzi – Direzione Giovani Democratici Roma
Flavia Leuci – Consigliere Provincia Roma
Paolo Marchionne – Consigliere Municipio Roma IV
Estella Marino – Membro Assemblea Regionale PD Lazio
Paolo Masini – Consigliere Comune Roma
Dario Nanni – Consigliere Comune Roma
Daniele Ozzimo – Consigliere Comune Roma
Marco Palumbo – Consigliere Provincia Roma
Luisa Palumbo – Coordinatrice Circolo Montesacro
Vincenzo Pasculli – Circolo Trasporto Aereo – Areoporti di Roma e Lazio
Marco Romagnuolo – Circolo Muratella
Gianluca Santilli – Consigliere VI Municipio
Andrea Santoro – Consigliere Municipio Roma XII
Ivan Scalfarotto – Vicepresidente PD
Andrea Sgrulletti – Coord.VIII Municipio
Giulia Tempesta – Direzione Giovani Democratici Roma

Add to Del.icio.usAdd to Google Buzz

Pubblicato da

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...