Manganelli per tutti, ma un po di più per i froci

Dire quello che volete ma a me questa foto qui di fianco inqueta.
Essa ritrae Paolo Patané – Presidente di ArciGay Nazionale – ed Enrico Oliari – Presidente di GayLib e (ex?) militante di AN – con il capo della Polizia di Stato Antonio Manganelli.

Il motivo di tale incontro è la creazione di un “nuovo ufficio contro le discriminazioni delle minoranze, a livello centrale presso la Criminalpol.”, in altre parole la DEA di froci, ebrei e chissà chi altro…
Potete leggere i rispettivi comunicati qui e qui (sorry ma non c’è permalink).

Ovviamente la Carfagna plaude, e cosa potrebbe fare dal momento che fino ad oggi la politica si è del tutto disinteressata all’argomento, provvedendo anzi – a volte – anche a fomentare indirettamente certi comportamenti.

Ora, sebbene io sia più che consapevole che noi froci siamo una minoranza – cosi come gli ebrei, anche se la disparità di trattamento da parte delle istituzioni è evidente – mi chiedo ugualmente se fosse necessario sul serio una polizia ad hoc. Mi chiedo quale sia la specificità che richiede un tale trattamento.

Sinceramente mi sembra preoccupante questo continuo guardare a polizia e forze dell’ordine in genere come l’unico modo per risolvere problemi quali quello della discriminazione. Si, mi pare realmente preoccupante.

Add to FacebookAdd to TwitterAdd to Del.icio.usAdd to Google Buzz

Pubblicato da

Annunci

6 thoughts on “Manganelli per tutti, ma un po di più per i froci

Add yours

  1. Come detto da altri, è una risposta di Destra. Presa così da sola non va bene, ma se domani si associano anche risposte di Sinistra (educazione nelle scuole, campagne di comunicazione, eccetera) non sarà un male.

    1. Sciltian, si continuano a chiedere azioni “culturali” ma poi alla prima offerta di polizia “ad hoc” si applaude… questo è il problema.

  2. Non lo so Fa’. Anche io non esulto alla notizia però mi chiedo perché leggerla in negativo.
    Mi spiego: è una risposta “di destra” ad un problema… Da un governo di destra perché aspettarsi soluzioni diverse? Non vuol dire che siano buone ma è un dato che non si deve trascurare.
    Ovviamente servono comunicazione e cultura, campagne di sensibilizzazione e crescita del consenso per le ematiche ma di per se l’istituzione di un reparto non è sbagliata a prescindere.
    Immagino (forse perché è quello che avrei chiesto io) che alla creazione della sezione “per le minoranze” corrisponda anche una formazione per chi ne fa parte e quindi un nucleo che sappia di cosa si occupa in maniera meno vaga e arraffazzonata di quel che accade oggi.
    Già una formazione per le forze dell’ordine sul modo corretto di trattare denunce e vittime sarebbe una novità e una cosa di per se positiva, non è l’unica cosa da farsi, ovviamente, ma non è, a mio avviso, sbagliata in quanto insufficiente.

    1. Andrea, quello che mi lascia maggiormente perplesso è vedere Patané ed Oliari convergere su una posizione simile.
      C’è poco da dire “se” e “ma” in questo momento, o le cose si mettono nero su bianco – e nessuno ci assicura poi che gli impegni vengano rispettati nel migliore dei modi, vedi la campagna pubblicitaria della Carfagna e l’osservatorio sbandierato lo scorso autunno che non è mai partito – oppure non se ne fa nulla.
      diverso sarebbe stato se avessero fatto corsi di formazione specifici per tutte le forze dell’ordine e poi creato una squadra di “specialisti”…

  3. È una risposta politica da destra: sicurezza, polizia, repressione. Che non sono cose negative, quando si tratta di crimine, ma nel caso delle minoranze bisognerebbe anzitutto avviare una grande campagna educativa e di sensibilizzazione verso il rispetto delle minoranze, incluse quelle per orientamento sessuale e identità di genere. Ma mi rendo conto che questa è più una cosa da sinistra … Non da sinistra italiana ovviamente, da sinistra europea.

  4. Ma il corpo di polizia sarà formato da membri delle rispettive minoranze? Se ci tolgono i carabinieri, i finanzieri e i poliziotti gay si svuotano i commissariati!

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: