Insegnanti in Irlanda


Buone notizie dall’estero: le scuole irlandesi sono state dotate di una guida per aiutare gli insegnanti della scuole medie a capire come meglio comportarsi dinanzi a prepotenze omofobe. La guida si chiama “Lesbian, Gay and Bisexual Students in Post-Primary Schools” ed offre avvertimenti e consigli su come comportarsi con gli studenti gay e come durante il loro coming out.

Secondo le statistiche riportate nel libretto, gli studenti LGB si rendono conto della loro natura e del proprio orientamento intorno ai 12 anni, mentre sono molto più vulnerabili e portati all’autolesionismo intorno ai 16, per poi raggiungere il momento dell’accettazione, intorno ai 17 anni. L’iniziativa è stata lanciata dal Ministro della Salute, Seàn Haughey Td:

Sono lieto di lanciare questa importante iniziativa che rappresenta il culmine di un lavoro duro che ha impegnato tutti quanti e si affida al coinvolgimento dei genitori. E’ un’assistenza pratica e utile per i direttori e i docenti nelle scuole

La guida è stata prodotta dal GLEN (Gay and Lesbian Equality Network). Secondo Sandra Gowran, la direttrice del settore che si occupa di politiche educative all’interno del GLEN, il testo

è un passo avanti per gli istituti e sopratutto sarà importante nelle scuole superiori per accettare e creare ambienti scolastici adatti nell’accettare la differenza e la diversità di tutti”.

Cattive notizie dall’Italia? Circa 2 settimane fa, il Ottobre per la precisione, unn crogiuolo di associazioni GLBT furono ricevute dalla Ministra Carfagna.

Tra le altre cose, la ministra si impegnò ad inserire all’interno della “Settimana contro la Violenza” anche l’omofobia tra gli argomenti di discussione.

C’era da stare all’erta e vigilare, compito che ovviamente spettava a chi aveva partecipato a quella riunione.

Ebbene?

Io, che non appartengo ad alcuna associazione, mi son premurato di informarmi presso amici con figli iscritti a scuole elementari e medie e tutti mi hanno risposto che non avevano alcuna idea della cosa di cui io stessi parlando.

Ma mi chiedo allora, un controllo c’è stato o no?

Spero di si anche se ho qualche dubbio e quindi mi chiedo il senso di un incontro simile se poi non si mettono in pratica azioni di controllo sul manteninmento delle promesse fatte. Basta portare a casa una promessa? Annunciarla da un palco per dare il risultato come acquisito?

Ma qualcuno ne sa qualcosa?

Pubblicato su

Annunci

5 pensieri su “Insegnanti in Irlanda

  1. alla fine sono riuscito ad ottenere notizie anche sul fronte “medie superiori”: non sapevano manco di che parlavo e la reazione è stata: “ottimo! bisognerebbe proprio farla una cosa del genere!”…
    che dire??

    1. che dire, bella domanda…
      ma chi ci ha creduto alle balle che sta facendo?
      perché la vaccarello che tanto s’è adirata sul palco non scrive un bell’articolo in merito a questo fatto su l’Unità? perché il “comitato promotore” di UGUALI non fa casino? ma è possibile che dobbiamo esser sempre noi “comuni froci mortali” a pensarci?

  2. spesso ci dipingono l’irlanda come “l’altro paese dove la legislazione si ispira all’insegnamento cattolico”; evidentemente non è così, almeno per questo aspetto. so anch’io che della cosa nelle scuole non se n’è vista nemmeno l’ombra: e non me ne meraviglio. evidentemente la “politica degli annunci” è ampiamente condivisa, anche da chi ha partecipato a quell’incontro. e probabilmente non solo quella.

    1. l’irlanda è si un paese cattolico, ma è anche un paese che – forse per la vicinanza con UK – si è data una “via laica” per i diritti.
      la politica degli annunci fa sicuramente effetto e comodo a tutti, fa schifo invece che chi dovrebbe stare attento a che gli annunci si tramutino in realtà non fa il suo dovere…

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...