Author: Fabio

Fabio è 100% partenopeo – e’core e e’panza – felice e realizzato nella sua nuova dimensione che non cambierebbe più con niente… Spesso con la voglia di dire e fare, sempre con la pigrizia che non gli fà né dire né fare… “Coniugato”, vive serenamente e felicemente la quotidianeità della convivenza, senza ostentazioni ma guardando dritto davanti a se.

Pillola di intervento

rainbow_pillsSolo due minuti per intervenire non fanno per me che non sono un oratore.
Avevo preparato li per li una scaletta approssimativa di cose da dire dal momento che non ero andato per parlare ma solo per ascoltare, e poi ho invece cambiato idea. Per cui ho dovuto sintetizzare e tagliar via tante cose.

Ho parlato di RomaPride, della presenza di Marino, del Registro delle Unioni Civili a Roma all’epoca bloccato, e delle trascrizioni di sabato 18/10, chiedendo infine un impegno fattivo che vada oltre la citazione della parola ‘diritti’ nei discorsi pubblici e la creazione di un tavolo, dei diritti appunto, che non può mai mancare…
Ho chiesto un impegno che vada oltre me…

Spero si sia capito comunque quello che volevo intendere

Oroscopo

acquarioAcquario: “Dovremmo sempre chiederci se i problemi irrisolti non siano in realtà domande poste nel modo sbagliato”, diceva il filosofo Alan Watts. Credo che tu stia vivendo una situazione che dimostra la verità delle sue parole. Gli eventi che ti hanno fatto turbinare il cuore e il cervello nelle ultime settimane ti hanno portato in regalo tutta una serie di interrogativi nuovi fiammanti, e questi serviranno da esaltanti sostituti alle vecchie e trite domande che finora non ti hanno permesso di trovare le risposte ai tuoi dilemmi.

gemelliGemelli: Nel momento culminante del loro numero, molti prestigiatori usano la parola magica “abracadabra” per far uscire un coniglio dal cappello o far sparire un’assistente in una nuvola di fumo. Ovviamente è solo un’illusione, ma quella parola ha una storia poco conosciuta. Un tempo era usata dai negromanti per le loro stregonerie. Le origini della formula risalgono agli gnostici del secondo secolo. Questi personaggi e i loro successori credevano che bastasse pronunciarla ad alta voce per evocare un potere al quale altrimenti non avrebbero avuto accesso. Ti invito a sperimentare questa possibilità, Gemelli. Usa la formula per farti coraggio e aumentare la fiducia in te stesso.

InternazionaleRBrezsny

Spiegatelo a Giachetti

Per favore smettiamola di buttarla in caciara e proviamo per una volta ad essere pragmatici e con i piedi per terra che già da queste parti si sta facendo un grande sforzo per ingoiare il rospo dell’istituto “diverso ma uguale” e non mi pare il caso che venga un eterosessuale a rimestare nel torbido.
Cos’è che non è chiaro a Giachetti?
Cosa c’è da spiegare quando il premier ha sempre affermato che nella legge per il riconoscimento delle coppie di persone dello stesso sesso ci sarà un istituto nuovo uguale al matrimonio ma senza possibilità di adottare figli non preesistenti?
E allora cosa c’entrano gli eterosessuali, che hanno invece l’istituto del matrimonio civile tutto per loro, comprensivo di adozioni, full optional insomma, ed il nervosismo di Giachetti?
A questo punto mi viene il sospetto che si stia parlando di cose diverse, perché se gli eterosessuali vogliono aderire alle unioni civili vuol dire che questo isitituto sarà diverso, nei contenuti oltre che nel nome, da quello del matrimonio civile.
Oppure Giachetti sta applicando l’editto di Franceschiello.

Diverso invece è l’atteggiamento della Cirinnà.
Il disegno di legge della Cirinnà prevede infatti, come spiega nello stesso articolo, una prima parte dedicata esclusivamente alle coppie di omosessuali e lesbiche, ed una seconda a tutte le coppie, sia etero che omo quindi, che non vogliono sposarsi, introducendo quindi secondo istituto con minori diritti/doveri, creato ad hoc per queste.
Il disegno di legge della Cirinnà è un vero e proprio ampliamento degli istituti attualmente esistenti per provare a coprire tutte le esigenze odierne.

Calmate Giachetti e aspettiamo di vedere questa benedetta proposta per cortesia?

Attendo invano?

Il quotidiano La Repubblica pubblica oggi un articolo dal titolo “Nozze gay, per la prima volta oltre la metà degli italiani dice si” quando all’inizio del 2013 i no sopravanzavano nettamente i sì (52 vs 41%).
Screenshot_2014-10-12-13-29-37_1Intanto i Ministro Alfano continua la sua crociata contro i sinadaci nonostante sia stato smentito.

La Ministro Giannini stabilisce le priorità per cui i cittadini possano vivere felici ed avere tutti pari dignità e il premier Renzi non fa altro che annunciare leggi che però non vedono mai una sortita in parlamento, mentre al Senato – in Commissione Giustizia – è già in discussione la proposta di legge della Senatrice Cirinnà che viste le condizioni attuali è decisamente accetabile.

Persino Belpietro sul suo editoriale oggi si dimostra aperto “una formula che legalizzi le unioni tra persone dello stesso sesso“.

Io sono ancora in attesa di una dichiarazione dal Premier fatta nei luoghi opportuni, non alla stampa, ed un segnale concreto, oltre il solito generico annuncio, che faccia chiarezza in questa ridda di posizioni personalistiche in cui chiunque per non scomparire dice la sua sulla pelle nostra.

Attendo invano?